Intelligenza Artificiale, dobbiamo temerla ? (Skynet è sempre più vicina)

Oggi più che mai sentiamo parlare di riconoscimento automatico delle immagini, auto che si guidano da sole, reti neurali e più in generale di intelligenza artificiale, ma cosa sappiamo veramente di questa disciplina che oggi si fa sempre più forte nella nostra quotidianità ? Dobbiamo temerla ? cerchiamo di sollevare un po’ il velo…

Le origini dell’intelligenza artificiale risalgono agli anni ’50 dove le prime rudimentali iniziative portate avanti da ambiziosi scienziati, si facevano strada nella comunità scientifica del tempo. Molte delle tecniche messe appunto allora sono ancora in voga oggi, questo a dimostrare che non sono le metodologie ad essere cambiate, quanto la capacità di calcolo delle macchine utilizzate odiernamente. Ebbene si, è proprio il boom della potenza computazionale che ha reso possibile la realizzazione di IA performanti e finalmente utili ai nostri scopi.

Per renderci conto le potenzialità di questa tecnologia, questi sono solo alcuni dei risultati raggiunti durante il 2016:

  • Produzione di un intero manoscritto partendo da alcuni scritti di un certo genere;
  • Apposizione di sonoro a film originariamente muti;
  • Vittoria di AlphaGo (intelligenza artificiale creata da Google) contro il campione mondiale di Go, Lee Sedol;
  • Realizzazione da parte di Telsa della prima automobile dotata di guida interamente autonoma;

Altri esempi più discreti, ma non certo meno interessanti, sono continuamente sotto i nostri come ad esempio il riconoscimento dei volti nelle foto di Facebook che ci permette di taggare i nostri amici, il motore di ricerca di Google, i prodotti consigliati da Amazon durante la navigazione sullo shop online.

Detto tutto questo, dobbiamo temere questa tecnologia ?
La realtà di oggi è ben lontana da quella prospettata in film come Terminator, Matrix, Transcendence o per essere più vintage, 2001: Odissea nello spazio, le macchine sono sotto il nostro più totale controllo e quindi non cercheranno di ribellarsi e distruggere l’intera umanità!
Però è necessaria una riflessione: l’uomo è spinto dalla curiosità e il progresso è inevitabile, quando sarà palese il punto di non ritorno di questa lunga corsa all’innovazione, sceglieremo di fermarci e spegnere tutto o sceglieremo di assumerci le nostre responsabilità e ci addentreremo nella tana del bianconiglio ?

 

 

Potrebbe interessarti:

Una risposta a “Intelligenza Artificiale, dobbiamo temerla ? (Skynet è sempre più vicina)”

  1. sofia villarosa dice: Rispondi

    Interessantissimo articolo! come sempre, bisogna considerare il doppio lato della medaglia…l’evoluzione tecnologica è stata in grado di apportare dei miglioramenti, soprattutto in campo medico, ma bisogna stare attenti all’abuso di questi mezzi…ma come hai detto, fino a che saremo noi a controllare le macchine non ci sarà nessun problema!!!!!!

Lascia un commento